Il piacere

E smette di ascoltarla. Non c’ha più voglia: lascia che il rumore delle sue parole si perda nell’aria, massa informe di suono senza senso che rimbalza impotente sul velo d’indifferenza che ha steso intorno a sé. Gli occhi le fissano il viso ma non la guardano più, e un ghigno impercettibile compare sul suo volto. Nel silenzio ovattato del suo cervello apre senza fretta l’armadio dove ha pazientemente riposto le debolezze di lei, quelle che ha imparato a conoscere e a proteggere in tutto questo tempo. Le passa in rassegna una a una, meticolosamente. Alla fine trova quello che cercava.

Solo allora inizia a parlare. In un primo momento lei non capisce. Alza la voce, vuole finire il discorso che aveva iniziato. Come al solito non hai ascoltato un cazzo, gli urla in faccia con violenza. Quando tace, finalmente, il tono piatto della voce di lui s’impossessa della stanza. Scandisce lentamente le parole che con tanta cura ha selezionato. Lei ammutolisce. Lui affonda i colpi, uno dopo l’altro. Colpisce dove fa più male, la investe con quella cattiveria che non ha nulla di animalesco, perché è solo degli uomini.

Lui sa bene quello che sta facendo. È lucido, come non lo è stato mai. La osserva mentre il dolore le inaridisce il viso. E un piacere perverso lo invade, mentre distrugge ciò che ama.

Annunci

8 thoughts on “Il piacere

  1. Il piacere degli insicuri forse. Colpiscono chi li ama forti della convinzione di di aver, comunque vada, già vinto. Se la persona amata torna indietro allora lo interpretano come un sintomo d’amore, se invece scappa è l’ennesima effimera conferma del loro traballante ego e delle loro paranoie. In ogni caso una circostanza che, realisticamente analizzata, è l’ultimo stadio del fallimento di ogni forma di comunicazione. Crede di essere più forte, ma è solo più debole e indifeso. Semplicemente più solo, più chiuso, più ottuso di prima.

  2. Le parole sono pietre e da alcune è difficile riprendersi . Si pongono al riparo le proprie debolezze, si richiudono le proprie schegge di pensiero impazzito in qualche meandro del se e si diventa tanto più amabili simpatici leggeri e vuoti. Alcune parole si inaridiscono in bocca perchè non le diremo più a nessuno (se non in automatico)

    Siamo sicuri che l’alter ego reale della protagonista virtuale sia sopravvissuta alla lapidazione?

    Molto maschile questo post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...